CENTRO STUDI prof. ing. ANGELO SPIZUOCO

Piazza N. Tofano n. 38 -  80030 San Vitaliano - NA - tel. 081 8441122 - cell. 339 8689881 -  fax 081 5197894

                                       BIOGRAFIA

Angelo Spizuoco è nato a San Vitaliano (NA) il 12/1/1952, diplomatosi nell'istituto tecnico per geometri di Nola, si è laureato con lode in Ingegneria civile edile presso il Politecnico di Napoli. 

Dopo la laurea ha frequentato a Roma il corso “Progettazione antisismica ed interventi di adeguamento” diretto dal prof. Ing. Carlo Cestelli Guidi, si è perfezionato in “Politica Ambientale” presso l’Università degli studi di Salerno ed ancora, con il massimo dei voti, presso la medesima Università si è perfezionato anche in “Gestione della fascia costiera e del sistema portuale”.

Nella sua qualità di libero professionista, prima geometra e poi ingegnere, ha avuto modo di accumulare una esperienza ultra trentennale sul territorio, testimoniata dalla sua attività di progettista, strutturista e direttore di lavori di edifici civili, industriali e di infrastrutture; nonché collaudatore di strutture civili e di reti di distribuzione di gas metano; oltre a ciò ha esplicato la funzione di ingegnere capo nella Pubblica Amministrazione ed è iscritto anche all’albo regionale dei collaudatori per opere pubbliche.

Si è interessato attivamente di problemi territoriali ed ambientali, effettuando, in particolare, studi ed interventi di risanamento di strutture, di protezione del suolo e di stabilità di versanti. Cade opportuno ricordare che la Procura della Repubblica lo ha nominato consulente d'ufficio per lo studio di eventi catastrofici di grossa rilevanza scientifica.

Dirige il “Centro Studi progettazioni-strutture & geologia-geotecnica” di San Vitaliano (NA); è consulente di numerose imprese che operano sul territorio, tra  cui l' Alenia  s.p.a. e la  S.N.A.M. s.p.a. per  la  quale, in particolare, ha verificato l'attraversamento sul fiume Bianco del metanodotto proveniente dall'Algeria. E’ ordinario di “Costruzioni” e abilitato alla docenza di “Geologia e Mineralogia” nei dipartimenti degli Istituti Minerari Superiori; si occupa anche di geologia applicata partecipando alle attività di ricerca del Dipartimento di Scienze della Terra (Facoltà di Geologia dell'Università degli Studi di Napoli) e nel medesimo ha tenuto  più di quaranta seminari teorico-applicativi ed un corso integrativo di geologia applicata. E' stato, poi, docente di difesa del suolo, geotecnica e pianificazione territoriale al corso-concorso esterno per l'accesso alla prima qualifica dirigenziale (Area ingegneristica) presso la Regione Molise. Ha tenuto, ancora, presso l'I.T.C.G. di Marigliano il corso di "geologia ambientale e difesa del suolo" per il corso post-diploma "Tecnico dell'ambiente per la gestione degli impianti" ed il modulo di “geotecnica” per il corso in “Restauro e Recupero dei Centri Storici” su autorizzazione del Ministero della Pubblica Istruzione ed in collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Presso l'Università degli Studi Di Parma ha fatto parte, altresì, del Collegio dei Docenti del Corso di Formazione Avanzata "Ambiente Fisico Del Sottosuolo Delle Pianure".

In occasione del sisma ‘80 che ha investito la Campania, ha effettuato innumerevoli verifiche statiche ed interventi di risanamento strutturali su edifici dissestati. E’ stato membro dell’ ”organismo governativo di vigilanza per il C.d.R.(combustibili da rifiuti)”, in qualità di C.T.U. ha trattato il dissesto idrogeologico di vari comuni della provincia di Napoli; in qualità di C.T.P. si è occupato del disastroso dissesto idrogeologico “Alluvione di Sarno” del maggio 1998 (160 morti) producendo apposita perizia scritta sul fenomeno verificatosi. E’ stato componente del “tavolo tecnico” istituito dal Commissariato di Governo per la nota problematica dei rifiuti a Napoli.

Si è attivato in occasione del sisma 6 aprile 2009 in Abruzzo fornendo notevoli contributi scientifici tesi alla interpretazione del fenomeno ed alla individuazione delle strategie future finalizzate alla protezione post sismica con lavori presentati al Workshop Internazionale sul sisma in Abruzzo presso l’Università di Chieti-Pescara e pubblicati anche su periodici a tiratura nazionale. Per i noti eventi catastrofici che hanno colpito la regione Sicilia ha fornito rilevanti contributi scientifici derivanti dalla sua intensa attività esplicata direttamente sui luoghi di sciagura immediatamente dopo gli eventi disastrosi; subito dopo la catastrofe idrogeologica, forte delle sue esperienze sul campo e di quelle pregresse che avevano colpito la Campania, è stato l’unico ad aver presentato un progetto di messa in sicurezza delle zone danneggiate, illustrandone la soluzione presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Messina.

Parte della sua intensa attività è sintetizzata in diverse pubblicazioni riguardanti problematiche territoriali in aree sismiche e l’ingegneria strutturale; tra queste ultime si segnala un volume sul “cemento armato” di circa seicento pagine. Alcune sue originali attività scientifiche sono contenute in un opera dal titolo “Un Triennio Di Alluvioni In Italia” comprendente studi, idee, proposte innovative mirate a salvaguardia dei territori a rischio idrogeologico, antropico ed ambientale ed ancora nel libro “L’Alluvione Di Messina Ed il Dissesto Idrogeologico In Italia” entrambi pubblicati con il patrocinio della Regione Sicilia + altri. E’ stato chiamato, inoltre, a redigere il Piano di Protezione Civile di Taormina. Su invito ha trattato a Palazzo Valentini il tema “Difesa dall’acqua: rischio idrogeologico,  studi e scenari di  messa in sicurezza” per il Meeting Internazionale organizzato a Roma dall’Istituto Europeo Terzo Millenio, dal Ministero dell’Ambiente e dalla Provincia di Roma.

E’ appena il caso di segnalare, infine, che circa un ventennio orsono fu cooptato dal Rotary Club International, per la classifica “Attività libere e professioni, ingegneri della struttura”, ove tuttora è socio effettivo.

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

home

 

home

miscellanea